Che brutta esperienza volare con Volotea

Bagaglio a mano Volotea

Mi imbarco all’aeroporto. Bagaglio a mano misure standard (acquistato con fattura con dicitura chiara “Adatto alle compagnie low cost”).
Mi imbarco, ma ci bloccano dopo il check-in.
C’è da dire che sono attimi frenetici, momenti nei quali non si può razionalizzare. Mi chiedono di inserire il bagaglio a mano (piccolissimo, comprato come detto a bella posta e che ha già viaggiato in cabina con tutte le compagnie) dentro un “misuratore Volotea” :-O.
Niente da fare: passa, no, non passa. Forse sì. No, troppo grande! Lo mandano in stiva? Sì, ma con un aggravio di 120 Euro!!!
Da pagare. Subito altrimenti niente volo, niente bagaglio, niente partenza. Centoventi euro un attimo prima di partire? Incredibile ma vero. Sapete come è finita?
Avevamo prenotato il volo mesi prima per risparmiare. Abbiamo dovuto pagare 120 Euro prima dell’imbarco.
Scrivo questa nostra esperienza solo perché ho letto tanti racconti simili in rete e considerato che trovo tale balzello ingiusto abbiamo deciso di pubblicare questa riflessione. Ha questa compagnia un  banner misuratore con un materiale sensibile agli elementi atmosferici e per questione di millimetri il bagaglio passa e non passa. Ho qui in tasca le misure e la fattura di acquisto del bagaglio. Le foto. Tutto dichiara che potrei viaggiare con bagaglio a mano. Ma ci impongono un pagamento di 120 €. Che tristezza che il destino dei consumatori sia così vulnerabile al volere di una signorina che decide di rovinarti il viaggio!

Come è possibile? Non lo so, certo non è giusto, a rigor di logica al ritorno avrebbero dovuto mandare in stiva il bagaglio. Non lo hanno fatto, durante il viaggio di ritorno non mi hanno fatto pagare nulla, il piccolo bagaglio ha viaggiato normalmente in cabina con me.
Fatevi voi due conti. Anche Volotea se li è fatti e ha aggiunto al mio biglietto 60 € Extra. Chiamatelo Bonus!

Share Button

Lascia un commento