Come far rinascere l’Italia

Basta accendere un qualsiasi canale televisivo per sentire parlare di crisi, di problemi. È davvero un momento difficile, una crisi non voluta e che si sta trasformando in un momento di generale paura.

Cosa si fa in questi momenti? Come si reagisce?
Non è che ci sia una ricetta, ma tra le tante ascoltate una soluzione mi piace più di tutte. Si deve investire, si deve pensare al futuro. Ma è sbagliato pensare che in un momento di crisi tutto vada bene per uscire dalla crisi, ad esempio c’è chi crede che cementificare l’Italia possa aiutare.
È proprio il contrario: cos’è che ci ha ridotto a questo? Perché siamo arrivati fin qui?
Ho una modesta e banale teoria: abbiamo dato valore alle cose e ci siamo dimenticati che una cosa è prima di tutto un pensiero, un’azione.
In cuor mio vorrei tanto chiudere gli occhi e condividere questo pensiero con tutti. Si può, possiamo uscire da questa crisi non più forti, ma più consapevoli, non più ricchi, ma più giusti, non più veloci, ma più precisi. E ritorno al periodo iniziale:
la crisi insisterà finché non faremo cose diverse, cose stimolanti, cose che ci fanno veleggiare leggeri.

Compatibilità ambientale, ricerca, scienza, informatica e cuore… sì ho scritto proprio cuore. Le belle cose del cuore. Banale, lo so, ma le cose più vere della vita sono proprio così: semplici… Se osassimo, tutti, dico tutti… prendere per il petto questo domani e dovessimo condividere scelte corrette, pulite e sì che le cose cambierebbero. Dunque scegliamo perché è giusto, e non perché sia conveniente… È solo un granello, ma volevo regalarvelo, condividerlo e farlo diventare nostro.

Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

Share Button

Lascia un commento