“Il razzismo non è un punto di vista, ma un crimine” di Valentina Vivona

“PENSARE PAROLE”:

“IL RAZZISMO NON E’ UN PUNTO DI VISTA, MA UN CRIMINE”

Di VALENTINA VIVONA

 

La psicologa presso SPRAR e componente del consiglio direttivo di “Mete Onlus”ha da poco pubblicato il suo primo libro su Amazon “il razzismo non è un punto di vista, ma un crimine”e poi sarà pubblicato in edizione cartacea. Valentina Vivona è parte attiva di “mete onlus”che è una associazione no profit presieduta dalla Dott.ssa Giorgia Butera, associazione elogiata e apprezzata a livelli internazionale per l’impegno profuso nel contesto dei diritti umani. In questo ambito la psicologa agisce alacremente, promuovendo un messaggio fatto di pace e tolleranza e lavorando su questioni aspre come il rispetto dei diritti umani, l’integrazione, la tutela delle donne, la convivenza civile. “Il razzismo non è un punto di vista, ma un crimine”è uno splendido e reale viaggio per capire e captare dove vanno le idee, le difficoltà, le speranze, le opportunità che la vita concede, per capire dove si può fare il proprio dovere, dove si può rimediare alle ingiustizie del mondo, specie in alcune parti del mondo come l’Africa. In questo meraviglioso viaggio Valentina Vivona racconta ed espone il suo punto di vista sul fenomeno delle spose bambine, della loro sottomissione e delle violenze che sono costrette a subire dall’uomo padrone , racconta del terribile fenomeno dell’infibulazione, che nonostante in alcune parti dell’Africa sia vietato, nella maggior parte è ancora pratica diffusissima, racconta del fenomeno del turismo sessuale che è un problema a livello mondiale e che coinvolge tutti i Paesi, racconta degli attacchi sfiguranti con l’acido, assurdo fenomeno di punizione per chi si ribella alla sottomissione, e che incredibilmente ha toccato anche un paese cosiddetto civile come l’Italia. Il tema del razzismo, che come dice il titolo, è un crimine e va condannato, non è un punto di vista. La Vivona lo racconta giustamente come piaga sociale mondiale, a tutti i livelli ed in ogni sua forma, diffuso in tutto il mondo come forma di ignoranza, paura, xenofobia, insofferenza, intolleranza, il razzismo è una violenza e come tale va combattuto. Il razzismo è una malattia sociale ed è questo il punto su cui si sofferma la psicologa, che va sradicato, condannato, combattuto sin da giovani, sin da bambini, ma anche da adulti si ha l’opportunità di poter capire, di poter vivere di tolleranza e comprensione. Il libro vede la prefazione del Cav . Avv Ferdinando Gattuccio e l’introduzione della dott.ssa Giorgia Butera, presidente di “mete onlus” e con la quale la Vivona collabora da anni ormai con tante battaglie vinte e con tante ancora da combattere. Il crimine del razzismo visto con gli occhi di Valentina Vivona, gli occhi di chi crede ancora nell’umanità e urlando ad alta voce che siamo tutti parte di un unico mondo e tutti devono avere gli stessi diritti giuridici.

 

DANIELA MEROLACopertina

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento