Il trucco per viaggiare gratis? Ecco qual è!

Low cost, last minute, formula roulette: tutti modi per viaggiare cercando di contenere i costi per un’avventura o un’esperienza lontano da casa.

In realtà c’è un altro modo, decisamente più originale e meno proibitivo, per compiere viaggi in ogni parte del globo ed in qualsiasi stagione: leggere.

Ebbene si. Leggere è come fare un lungo viaggio senza, peraltro, doverne subire tutte le controindicazioni: il fuso orario, il jet lag, la stanchezza fisica, la capacità di adattamento, l’organizzazione necessaria, lo stress della valigia.

Leggendo, invece, è possibile perdersi nel tempo senza sottostarvi obbligatoriamente: si smette quando si vuole e in un attimo si è di nuovo nel tempo e nella realtà che si erano lasciati.

Si può leggere comodamente sdraiati su un divano, o su una poltrona di una qualsiasi sala d’attesa, comunque evitando stanchezza fisica e sforzi.

L’unica forma di adattamento che il leggere ci richiede (si fa per dire!) è solo quella verso il genere letterario o lo stile narrativo cui siamo di fronte; richieste che, oltre a non comportare grossi sacrifici per il lettore, possono persino rivelarsi positive per la grande varietà ricchezza in grado di offrire.

In ultimo, la lettura di un libro non necessita di grandi doti organizzative anzi, è sempre attuabile, in ogni momento.

I viaggi che si possono compiere attraverso il solo gesto del leggere consentono di conoscere mondiculturelingue esituazioni diverse: non è forse questo ciò che cerchiamo in un viaggio?

Si può viaggiare/leggere per noia, curiosità, per ricercare solitudine, o semplicemente per “staccare”: evadere è una delle possibilità che da sempre la letteratura offre al pubblico.

Nella lettura/viaggio ci si può emozionare, istruire, incuriosire, confrontare: non è questa esperienza da poco! E al ritorno si può essere arricchiti, diversi. L’avventura del libro/viaggio può segnarci indelebilmente: se nel chiudere un libro questo lascia qualcosa di forte in noi, allora il viaggio è davvero, profondamente, compiuto.

Moena Castellucci

Share Button

Moena Castellucci

Mi sono laureata con 110/lode all'Università degli Studi di Torino in Educazione Professionale. Ho poi conseguito un Master in Giornalismo e attualmente collaboro con alcune riviste e case editrici per le quali scrivo di attualità e recensioni libri. Adoro i romanzi psicologici, i gialli e i saggi. Studio la PNL da anni e appena posso ne frequento corsi di aggiornamento. Amo la formazione ed il confronto continui.

Un pensiero riguardo “Il trucco per viaggiare gratis? Ecco qual è!

  • 6 Aprile 2014 in 5:07 pm
    Permalink

    L’aspetto interessante dell’articolo riguarda proprio i riferimenti letterari, mi ricorda un racconto di Pirandello (Il treno fischiò – mi pare) dove un uomo angosciato dalla vita riesce a fuggire dalla realtà con la fantasia.

Lascia un commento