La vita passata di Marte

Ho avuto il piacere di poter intervistare Roberto Bondone per una seconda volta, il motivo stato per un altro romanzo pubblicato sempre dalla Kimerik, La vita passata di Marte. Lo scrittore ci stupisce sempre con trame avvincenti e nuove. Scopriamolo ed appassioniamoci insieme.

Ben ritrovato Bondone, ci parli di questaltra pubblicazione, sempre con la casa editrice Kimerik, La vita passata di Marte. Ho deciso di scrivere un libro ambientato non sul pianeta Terra, perch da sempre mi affascina il cielo stellato nelle notti serene, e a volte, inevitabilmente, mi sono chiesto se c qualcun altro che in quello stesso momento, da qualche altra parte guarda le stelle e si pone la mia stessa domanda. Ho scelto Marte perch da molto tempo considerato simile alla Terra e perch da generazioni al centro di molti misteri.

Qual stata la sua ispirazione? Mi hanno ispirato molte storie e fatti curiosi, inspiegabili, inerenti al pianeta rosso. Inoltre le immagini ravvicinate rese disponibili negli ultimi decenni, con le nuove sonde, mi hanno dato altre idee per il libro.

Quanto tempo ha impiegato alla stesura del libro? Ho impiegato circa due mesi per la stesura, anche se, quando ho scritto questo libro, avevo molto pi tempo libero.

Leggendo la sua biografia ho notato che un appassionato di fantascienza, quali romanzi lhanno affascinata? Ad essere sincero, mi hanno ispirato di pi film e telefilm degli anni ottanta e novanta: Guerre stellari, Star Trek ecc..

un amante della fantascienza classica o di quella moderna? Quella moderna.

Quando scrive, come si svolge la sua giornata? Solitamente, quando ho tempo, scrivo nel pomeriggio e se posso anche la sera, mentre al mattino cerco di sbrigare quante pi faccende di casa mi sia possibile, anche se, da quando, fortunatamente, ho avuto un lavoro fisso, il tempo per scrivere molto poco.

 

Anna Pizzini

Share Button

Lascia un commento