L’amore, la bellezza, le paure al tempo dello spread

Lo spread è destinato a scendere: se avete dei soldi da investire è il momento giusto. Comprate titoli di stato italiani, comprateli in fretta perché non avrete mai più a disposizione una percentuale così alta di guadagni.
Monica Bellucci è bella, di più. Ha quella sensualità manifesta che la rende intensa a prescindere da cosa si mette addosso.
Una sottile linea che non la fa mai apparire volgare. E’ tutto lì tra un briciolo di desiderio, un po’ di sensualità e una bellezza integra.
L’alchimia è questa, la bellezza è sua, l’ammirazione è mia.
E come arrivo allo spread?
Si arriva perché la finanza, lo spread, le congetture economiche fanno parte dell’apparenza, ma alla fine la sostanza paga e l’Italia è sostanza, dura, importante, tangibile.
L’Italia ha in cassa 2,5 mila tonnellate d’oro (una quantità enorme, parliamo di centinaia di metri di estensione di lingotti d’oro).
L’Italia è la seconda manifattura d’Europa. Lentamente la previsione di un rientro dall’evasione fiscale ci condurrà a una minore pressione fiscale e a un rinnovato sviluppo. Certamente c’è un importante debito pubblico, ma non tutti sanno che l’Italia ha il debito privato più basso d’Europa e un patrimonio pubblico enorme.
Gente, la situazione è questa: 20 anni di malgoverno, di cattiva gestione, di dissipazione delle risorse e delle possibilità ci hanno sfiancato. Ma per fortuna siamo arrivati alla fine del tunnel.  Permettemi allora la divagazione. Chi desinerei incontrare alla fine del tunnel?
Va bene sì è capito, non certo Silvio Berlusconi. Vada retro Massimo D’Alema.
Ecco mi accontenterei di Monica Bellucci.

Monica_Bellucci

© Riproduzione riservata (G. N.)

Share Button

Lascia un commento