L’isola di Salina

Salina non è un’isola. Salina è un mosaico di luoghi. Micromondi frastagliati e diversissimi tra di loro, cangianti e nuovi ad ogni sguardo.

Non esiste una Salina. Esistono invece le molteplici espressioni di uno stesso luogo: la ridente e solare Malfa, la turistica Santa Marina. La lirica e malinconica Pollara. L’arcaica e primitiva fossa delle felci.

Potremmo dirci sazi, ma non abbiamo ancora citato la Mistica Valdichiesa con un  monastero mariano e assorto. Un luogo che si estranea dal contesto turistico e si fa eremo di riflessione e preghiera. Potrei continuare ma il concetto credo sia arrivato: Salina è articolata, difficile e complessa. A tratti antica, spesso vivace come i suoi abitanti. Un’isola che ha saputo mantenere i tratti peculiari del suo mondo millenario e che ora si affaccia ai turisti con un patrimonio inesplorato e immutato di rarissima bellezza.

Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

Percorsi: Santa Marina. Il Comune principale, il porto attrezzatissimo e con il viale dello shopping. L’approdo iniziale da dove deve cominciare la scoperta dell’isola. L’area è ricca di pizzerie e ristoranti. I locali sono accoglienti e ospitali.

Percorsi: Hotel Mamma Santina. l’Isola è ricca di strutture. Il soggiorno all’Hotel Mamma Santina è stato gradevolissimo. Struttura accogliente, personale gentile e professionale. Le stanze pulite e una cucina che lascia sorpresi. Il ristorante si estende su un’ampia superficie affacciata sul mare. Cenare con un panorama così e degustare un menu di pesce non ha confronti. Si ciondola verso l’infinito. Straordinario lo chef che offre un menu selezionatissimo. Da non perdere l’antipasto della casa e vari primi con specialità del luogo. Il dessert sempre buonissimo, cioccolato con una punta di piccante (al chili) è consigliatissimo.

Percorsi: Lingua. Una passerella straordinaria. Un lago che lambisce la costa con una flora unica. Zona interdetta al traffico con una lunga passeggiata ricca di locali. Qui una sosta è obbligatoria: Alfredo vi aspetta con il suo “Pane cunzatu”.

 Percorsi: Villaggio di uomini primitivi Portella. Il mistero svelato. La suggestione qui è forte. Il villaggio preistorico della Portella fu scoperto nel 1954. Capanne preistoriche dell’età del Bronzo (XV-XIII sec a. C.) Posizioni privilegiate per la difesa e perché no per la bellezza. Qui il panorama è struggente. Una cresta inaccessibile per i nemici e che allungava lo sguardo verso un orizzonte illimitato. Strutture preistoriche di grande valore e conservate benissimo.

Percorsi: il Monastero di Valdichiesa. Ecco Valdichiesa con un  monastero mariano del 1630 assorto. Un luogo che si estranea dal contesto turistico e si fa eremo di riflessione e preghiera.

Percorsi: Pollara. Non possiamo che suggerire di chiudere questo percorso con un tuffo malinconico e abissale nei luoghi che furono di Massimo  Troisi. Qui recitò “Il postino”. Scenari struggenti e immutati vi faranno emozionare. Consigliatissimo un’escursione serale per ammirare il famoso tramonto di Pollara.

Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

 

Link e citazioni:
Etimologia del nome: fu chiamata “Didyme” (gemelle) per le sue due montagne che sembrano due gemelle. Il nome attuale deriva dal laghetto salmastro situato nel paese di Lingua, anticamente da questo laghetto veniva estratto il sale che era usato oltre che per i normali usi in cucina, anche per la conservazione dei generi alimentari come ad esempio capperi e pesci vari. Origine: vulcanica, attività a riposo da 13.000 anni. Superficie: 26,8 km2. E’ la seconda per estensione dopo Lipari.
Monti: l’isola è ciò che resta di sei antichi edifici vulcanici  e possiede, in ordine, il primo e terzo rilievo più alto dell’arcipelago: Il Monte fossa delle Felci (962m) e il Monte dei Porri (860m) che conservano la tipica forma conica.
Popolazione: 2581 abitanti suddivisi in 903 abitanti nel Comune di Santa Marina.
Comuni: l’isola è distribuita in tre comuni (Santa Marina Salina, Malfa e Leni amministrativamente autonomi da Lipari.

http://www.salinapertutti.it/

http://www.salinavacanze.it/

Share Button

Lascia un commento