Recensione del film “La prima luce”

“L’OCCHIO CINEFILO-BUIO IN SALA”:

RECENSIONE FILM “LA PRIMA LUCE”     dal 24 settembre 2015 al cinema.

 

“La prima luce” è il nuovo film di Vincenzo Marra presentato all’ultimo festival di Venezia con un buon successo di critica. Marra è uno dei registi più interessanti del panorama italiano e lo dimostra anche con questo film che è uno psico- dramma non strappalacrime però. I protagonisti sono Riccardo Scamarcio, Daniela Ramirez, Gianni Pezzalla. E’ la storia di un fallimento di un amore amplificato dalla separazione da un figlio. Marco (Riccardo Scamarcio) è un presuntuoso e maschilista avvocato che vive a Bari insieme alla compagna Martina (Daniela Ramirez) e al loro bambino Mateo di sette anni; il legame tra i due è irrimediabilmente logoro e Martina vive una grande alienazione e depressione. Decide così di lasciare tutto e di tornare nel proprio paese senza però dire nulla al suo compagno e senza lasciare tracce. Inizialmente Marco spera in un loro ritorno e non si preoccupa, ma poi subentra in lui la disperazione per la separazione dal figlio. Anche lui decide di partire alla ricerca di Mateo e Martina andando in Sud America, a Santiago del Cile, un mondo a lui sconosciuto e ostile che accentua la sua disperazione e solitudine. Il film narra di un tema delicato, la contesa dei figli dopo la fine di un rapporto sentimentale aggravato anche dalla diversa nazionalità e dalle fughe di uno dei due genitori. E’ la storia della globalizzazione e dei pro e contro che comporta e che Marra ha trattato con estrema intelligenza. Il sentimento che si vive in tutto il film è il disagio che i due protagonisti vivono nei paesi che li ospitano e la sceneggiatura supporta bene questo disagio creando una atmosfera essenziale, pulita e senza sentimentalismi inutili. Marra ha avuto la necessità e consapevolezza di raccontare si un dramma ma senza lacrime né esagerazioni. Una curiosità del film è che il paese nel quale Marco arriva non viene mai nominato proprio per creare una storia dal sapore universale aldilà dei paesi scelti per narrare la storia e anche per creare un maggior smarrimento e senso di impotenza ai protagonisti. Un film che vive di sentimenti trattenuti ma ugualmente intensi, di tensione ben sopportabile dallo spettatore, come se fosse una tensione reale e palpabile e Marra è riuscito a lasciare fuori facili luoghi comuni e banalità sottoculturali. Il tono è pacato e sobrio con buone interpretazioni e una sceneggiatura scritta dal regista stesso con Angelo Carbone il cui punto forte è la narrazione asciutta, intensa ma senza sermoni giuridici sull’uno o sull’altro paese. L’intuizione del regista è stata quella di sottrarre l’emotività a tutto il contesto del film che lo avrebbe portato inesorabilmente al melodramma, preferendo un percorso dei sentimenti basato sulla crescita graduale delle proprie responsabilità.

DANIELA MEROLA

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento