Nel 2020 stiamo di meno sui social e di più nelle osterie

Sia un 2020 di parole, di ascolto. Di sguardi: occhi negli occhi. Un po’ meno social, un po’ più osteria.
Che sia un 2020 di parole costruttive, di dialoghi, di toni di voce. Di odori di caffè e di rum. Di pagine di libro da sfogliare.
Un 2020 sincero, ma non artatamente rustico come si usa ora. Come i jeans strappati per sembrare più vissuti.
Viviamo di più in questo 2020.
Di più di quanto abbiamo fatto.
Di più di quanto si possa immaginare. Viviamo il momento assieme.
Buon 2020, alzate il calice e posate i cellulari.
C’è gente che vi ascolterà.

Articolo di Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

Share Button

Lascia un commento