Teatro: “Giulio Cesare” dal 6 luglio a Verona

“PALCOSCENICO:  GIULIO CESARE  a “ESTATE TEATRALE VERONESE”

 

E’ Alex Rigola a firmare la regia teatrale dello spettacolo “Giulio Cesare” che apre il 6 luglio “l’estate teatrale veronese” al teatro romano con protagonista Michele Riondino nel ruolo di Marc’Antonio. E’ la prima regia italiana con attori italiani del regista spagnolo Rigola, già direttore della biennale teatro di Venezia. E’ uno spettacolo molto originale e moderno questo adattamento per il festival Shakespeariano, ma anche rispettoso del testo originale ma che è comunque stato riadattato per questa rappresentazione. L’estate teatrale veronese 2016 festeggia i 400 anni della morte di Shakespeare con un cartellone dedicato al grande drammaturgo inglese e che vede la sua apertura proprio con questo testo, “Giulio Cesare”. Il Marc’Antonio di Michele Riondino è un personaggio spregiudicato, un uomo apparentemente frivolo e mondano e di cui i cospiratori di Cesare non si preoccupano. Lui è ambiguo, è ambizioso e si nasconde dietro una modestia strategica e pericolosa. Il suo discorso ai funerali di Cesare è l’emblema dell’ambiguità del potere. Infatti Marc’Antonio afferma che lui è lì per seppellire Cesare ma poi punta il dito contro i cospiratori e i suoi assassini li chiama “uomini d’onore”. Un meraviglioso discorso moderno fatto di retorica, populismo e ambiguità, gli stessi ingredienti usati oggi dai politici. Ed è questa l’eternità dell’opera di Shakespeare, il suo essere eternamente moderno e “Giulio Cesare” è uno dei culmini della sua grandezza. Il discorso di Marc’Antonio è fantasticamente recitato da Michele Riondino che vi aggiunge estro ed enfasi. Il regista Alex Rigola fa interpretare Giulio Cesare da una donna, l’attrice Maria Grazia Mandruzzato, una geniale trovata del regista che ha voluto mettere in evidenza come lo stesso potere degli uomini sia lo stesso delle donne e come loro abbiano la stessa determinazione degli uomini nel saper gestire il potere. Questo affascinante testo teatrale è la rappresentazione del fascino del potere per il potere, una ambizione che muove i personaggi dell’opera finendoli poi per travolgere. Questa versione del “Giulio Cesare” di Alex Rigola è sicuramente affascinante e all’avanguardia per la contestualizzazione del suo messaggio universale.

 

DANIELA MEROLA

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento