RECENSIONE: “Aspettando Settembre”

Aspettando Settembre–Carmelo Samuele La Torre”

“Aspettando Settembre” è la prima opera dello scrittore Carmelo Samuele La Torre. Essa è un viaggio introspettivo di un uomo che è diventato tale attraverso un percorso di vita impegnativo, ma vissuto con la nota di romanticismo che contraddistingue l’autore. Il libro rappresenta l’essenza dell’uomo scrittore e la testimonianza del suo percorso, rivelando, senza filtri alcuni dei momenti che hanno prodotto il progresso di una vena narrativa sempre presente in lui.

                “L’ALBERO”
       In una piovosa giornata
       un unico rumore…
       … il triste silenzio della malinconia.

Che cosa percepite da questi versi? Io personalmente una struggente malinconia.
Ma non una qualsiasi malinconia, bensì una malinconia in tutte le sue mille sfaccettature.
Una malinconia che fa piangere ed urlare il cuore.
Una malinconia alla quale non trovo cura, rimedio.

Le poesie presenti nel libro ti lasciano un qualcosa dentro. L’autore, attraverso semplici parole, è stato capace di emozionare.
Chiudendo gli occhi, immagino l’autore, intendo a scrivere poesie, ed esternare, attraverso un foglio ed una penna i suoi pensieri, il suo stato d’animo, le sue mancanze, le vittorie e le perdite.
Vedo un uomo, più che un poeta, capace di far arrivare al lettore il messaggio che egli vuole trasmettere. Immagino una Sicilia anni ’90.
Un libro che mi ha lasciato senza fiato e che ho letto più di 2 volte. 

Share Button

Lascia un commento