Recensione concerto Parthenope in tastiera

TRACCE DI CULTURA”: EVENTO “PARTHENOPE IN TASTIERA” 4° edizione

MUSEO DEL CORALLO ASCIONE, NAPOLI – CONCERTO DI MARIO MEROLA, 27 novembre 2015

Nel meraviglioso museo del corallo Ascione si è svolto il concerto organizzato dal Fai delegazione di Napoli “Parthenope in tastiera”ideato da Massimo Lo Iacono e giunto alla sua quarta edizione. Dopo una introduzione dello stesso Lo Iacono per spiegare le musiche eseguite ha avuto inizio il concerto di Mario Merola, brillante pianista napoletano, che ha già una lunga carriera alle spalle nonostante la giovane età; il pianista ha eseguito musiche di Chopin, Debussy e Prokofiev: i notturni di Chopin, le Images per pianoforte di Debussy e la sonata no.7 di Prokofiev. Una iniziale incertezza che ha tradito l’emozione di Merola per questo concerto a favore del Fai, ha introdotto il concerto con i notturni di Chopin che sono particolarmente impegnativi. La forza della musica ha ripreso subito il ritmo e il pianista ha inanellato una buonissima sua interpretazione dei “notturni” di Chopin. Con Debussy e le sue “images” la musica è diventata soave, fluida, rasserenante, e merola ne ha saputo cogliere il ritmo morbido ma continuo, trasversale ma preciso nei suoni. La musica di Debussy è diversa da quella di Chopin, è più rassicurante e l’esecuzione del maestro Merola è stata ottima più di quella di Chopin. Poi è arrivato prokofiev e la sonata no.7, potente e inarrestabile che ha dato  senso a tutto il concerto per la musica tonante, breve, improvvisa, cadenzata, bloccata e ripresa più volte, il pianoforte ha cantato la melodia dei suoni pieni di tensione venuti fuori senza sosta. Da menzionare “Allegro inquieto”, superlativo e improvviso notturno che poi si smorza per virare in note piene, dure, gonfie di suono potentissimo che è stato assorbito tutto dagli spettatori estasiati. “Andante caloroso”ha stupito per il suono cristallino e diverso dal precedente suono pastoso; l’esecuzione di Mario Merola è stata eccellente e senza esitazioni. Da menzionare ancora “precipitato”che è stato il degno finale, un finale improvviso e forte. Una serata bellissima e ben riuscita, con grande musica, un grande pianista dal futuro roseo, una serata per il Fai e per la musica che ha creato un connubio perfetto di musica e beneficenza.

DANIELA MEROLA

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento