Recensione del libro “AVVICINATI” di Kim Karr

“PENSARE PAROLE”: recensione libro per martedì 28 ottobre 2014-

“AVVICINATI” (CONNECTED) di Kim Karr    newton Compton editore;

Questo libro fa parte della “connections series” che è una nuova appassionante serie che sta ottenendo un successo internazionale. E’ arrivata anche in Italia il 28 ottobre grazie a Newton Compton sempre alla ricerca di novità editoriali capaci di ben esprimersi sul mercato. Una sorpresa questa serie di libro a partire appunto da “AVVICINATI” e che sono complessivamente 8 libri di narrativa rosa sempre di Kim Karr, ma solo questo romanzo e il suo seguito “TORN” hanno per protagonisti la stessa coppia ovvero Dahlia e River e quindi la loro avventura si esaurisce con questi due romanzi; gli altri hanno per protagonisti altre coppie. “AVVICINATI” è un buon libro, non eccelso ma discretamente gradevole con un bel finale dal colpo di scena inusuale ed inaspettato; ci voleva un finale effervescente, quasi una prefazione, perché il libro nel suo svolgersi è un po’ debole con un po’ troppo sesso ed eccessivo buonismo, quindi il colpo di scena finale ci sta tutto e da un perché a tutto il romanzo. Questi e il suo seguito chiamato “TORN” appartengono a quella categoria di narrativa rosa e/o romance che hanno comunque mercato nonostante a volte alcuni di questi libri sono decisamente deboli; non è il caso di questo “AVVICINATI” e del suo seguito che tutto sommato sono apprezzabili e come in questo caso con un buon inizio, una parte centrale un po’ statica ma dal finale indovinato. Resta comunque che questo genere di libri hanno un grande mercato economico e questo giustifica la loro esistenza. La protagonista Dahlia vive a Londra e nella sua vita non esiste più da parecchio la parola felicità; la sua anima è stata distrutta da una perdita il cui dolore non accenna a diminuire. Quando la rockstar River Wilde ricompare nella sua vita il loro rapporto ricomincia tra passione e dubbi. Dahlia è convinta di aver trovato l’anima gemella nonostante la sua sofferenza ritiene tutto ciò un dono divino, ma i fantasmi del passato non la abbandonano e Dahlia prova un grande senso di colpa per questa relazione che quasi le fa dimenticare la tragedia vissuta. Questa situazione influisce sul suo rapporto con River; come si può costruire un futuro se si pensa sempre al passato? Una trama buona che l’autrice subito sviluppa con scioltezza costruendo una storia un po’ melensa ma efficace; ben scritto e chiaro nei passaggi fondamentali, forse alcune scene di sesso un po’ ridondanti e il ritmo appare un po’ lento nel mezzo ma come si diceva prima il finale riscatta qualche pecca. Nel complesso un libro che si può leggere.

DANIELA MEROLA

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento