Recensione evento: “Vivi nel ricordo” (Teatro Mediterraneo)

“TRACCE DI CULTURA”:

RECENSIONE EVENTO “VIVI NEL RICORDO”

CONCERTO PER PIERPAOLO PASOLINI

AL TEATRO MEDITERRANEO NAPOLI     2 novembre 2015

 

“Vivi nel ricordo” è una serie di eventi che il comune di Napoli ha organizzato per la ricorrenza dei defunti; il programma comprende concerti, spettacoli teatrali, readings che si spalmeranno dall’1 all’8 novembre. Cuore del progetto è il concerto commemorativo dedicato a Pier Paolo Pasolini al teatro mediterraneo diretto dal maestro Roberto De Simone, a 40 anni dall’omicidio ancora irrisolto per i suoi molti misteri. Il concerto è ad ingresso gratuito con richiesta di prenotazione e gli inviti sono andati a ruba in poche ore. Il concerto accosta un autore come Villa Lobos a Giovanna Marini e a Sergio Endrigo e vede in veste di direttore d’orchestra e autore Roberto De Simone con accanto il compositore Antonello Paliotti che dirigerà anche l’essemble insieme al maestro Renato Piemontese. Di Villa Lobos vengono eseguite due Bachianas Brasileiras, una arrangiata con otto violoncelli. Villa Lobos ha coniugato Bach con la tradizione musicale brasiliana e questo lo ha reso perfetto per un concerto in onore di un innovatore come Pasolini. A seguire una canzone di Sergio Endrigo interpretata da Isa Danieli su un testo in cui Pasolini raccontò una “fiaba” riguardo la sua famiglia, “il soldato di Napoleone” partì per la campagna di Russia, per sfuggire ai nemici si nascose nelle viscere di un cavallo e fu salvato da una donna polacca che poi sposò. L’arrangiamento musicale è sempre di Antonello Paliotti, così come la versione per chitarra battente e chitarra classica dell’epicedio che Giovanna Marini compose il giorno stesso della morte di Pasolini. Infine “samba de roda” sono i versi scritti da De Simone  e musicati da lui stesso in occasione della visita di Papa Francesco a Napoli nell’aprile scorso. Un concerto davvero originale e affascinante.

DANIELA MEROLA

Share Button

Daniela Merola

Un saluto a tutti, sono Daniela Merola, scrittrice, blogger, giornalista e il mio sentiero è sempre stato "il coraggio delle proprie idee".

Lascia un commento