Recensione “Stella Rossa e il killer gentile” di Giancarlo Piciarelli

Kiamarsi Magazine Tutti i diritti sono riservati

Approfondimenti sull’autore e sul Libro.

“Stella Rossa e il killer gentile” è il sesto thriller poliziesco di Giancarlo Piciarelli appartenente alla serie che vede come protagonista lo scontroso ma carismatico commissario romano Leonardo Blasi, detto Leo.
Nel corso degli anni il protagonista è cresciuto e maturato di pari passo con il suo autore.
Ex alcolista e con alle spalle diverse relazioni sentimentali finite per le ragioni più disparate, sebbene invecchiato e ormai in pensione Leo non ha perso il suo consueto carattere fumino né le doti da segugio che da sempre lo contraddistinguono, permettendogli di scovare e catturare gli assassini seriali.
Aperto, schietto, senza peli sulla lingua, ottimo profiler, riesce a entrare nella mente del più feroce criminale, ma “un disastro nel rapporto con le donne perché, in quel caso, erano loro a entrare nella sua”.
Ed è proprio una donna, Stella Rossa, a trascinarlo in questa nuova caccia al serial killer che lo spingerà a lasciare Roma per approdare nella multietnica e moderna Parigi.
Stella Rossa è stata “l’errore più grande della sua sconclusionata esistenza”, colei con la quale per anni ha avuto un rapporto altalenante, caratterizzato da una passione travolgente, ma reso discontinuo dall’indole ermetica e sfuggente di lei. La loro relazione, fatta di continui alti e bassi, intese e allontanamenti, si era conclusa con un distacco lento ma definitivo.
Adesso, a un anno di distanza da quell’ultima separazione, la donna, che vive nella capitale francese con il nuovo compagno Michel Durant, rientra prepotentemente nella sua esistenza convincendolo a indagare su una serie di omicidi incomprensibili. I delitti sembrano riconducibili a un unico soggetto ignoto che prende di mira donne ricche, tra i 45 e i 50 anni, appartenenti al ceto benestante parigino e poi abbandona i loro corpi secondo un rito ben definito.
Le vittime vengono uccise con un unico e preciso colpo al cuore, viene loro amputato l’anulare con la fede nuziale e praticato un taglio sul lato destro della bocca, simile a un macabro ghigno. Infine, i cadaveri vengono lasciati in luoghi che rimandano a simboli e brani musicali che rimandano a storie di figli non voluti, coperti da un lenzuolo in quella che sembrerebbe una forma di rispetto o cortesia nei confronti della vittima sacrificata. È proprio per via di quest’ultimo dettaglio che i media non tarderanno ad affibbiare all’omicida l’appellativo di killer gentile.
In questo caso, Leo sarà affiancato da un team composto dal capitano della Gendarmerie Pierre Dubois, dal tenente Brigitte Lemaire, dall’agente e profiler armena Aghavni Varsak del “corpo speciale di polizia francese” e dalla psicologa Amandine Morel.
Le indagini faranno via via luce sul mistero che sconvolge una Pagiri multietnica e multiculturale, dove passato e presente convivono in maniera non sempre armonica e dove edifici, monumenti e quartieri storici fanno da sfondo alle proteste dei Gilet Gialli e all’emergenza Coronavirus.
Vita e morte, istinto e ragione, amore e psiche, musica e silenzi, criminologia e psicanalisi rimandano tutti al dualismo, che è il fulcro centrale del romanzo.
Con uno stile moderno, piacevolmente scorrevole ed estremamente coinvolgente, l’autore riesce a tracciare le origini del male.
La classificazione dei diversi profili criminali è frutto di uno studio scrupoloso che consentono al lettore di calarsi nella complessa psiche di un omicida, di ricostruire con accuratezza tutte quelle dinamiche, circostanze e traumi che solitamente costituiscono l’origine dello sviluppo di un disturbo della personalità, che possono evolversi in comportamenti violenti e criminali.
Alle nozioni di carattere psicologico e scientifico, l’autore affianca abilmente interessanti informazioni di carattere storico e culturale che descrivono tutta la bellezza della capitale immersa nella sua caratteristica atmosfera di “disincantata sicurezza”.

Stella Rossa e il killer gentile
di Giancarlo Piciarelli
ISBN: 978-88-5516-472-6
Formato: Rilegato
Genere: Narrativa
Collana: Kimera
Anno: 2020
Pagine: 240
Disponibile anche in formato eBook

Giancarlo Piciarelli vive e lavora a Roma, unisce la sua attività di scrittore a quella di CEO di una società informatica internazionale. Ha al suo attivo ventisei pubblicazioni tra sillogi, saggi e romanzi. Con la Casa Editrice Kimerik ha già pubblicato i thriller con protagonista il commissario Leo Blasi: Come quando fuori piove, Trilogia di Piazza del Popolo, Effetto Werther e La pelle profonda. Un cold case per Leo Blasi è l’ultimo della serie. Nel 2016 e 2018 ha ottenuto un riconoscimento al prestigioso Holmes Award.

Kiamarsi Magazine Tutti i diritti sono riservati

Share Button

Lascia un commento