Che fine faranno le donne afghane?

Che fine faranno le donne afghane?
Probabilmente svaniranno, evaporeranno, scompariranno. La responsabilità non potrà essere solo dei talebani che comunque hanno preannunciato la Sharia (e cosa potevamo aspettarci?).
La Sharia è una serie di norme, regole e comportamenti che pur mettendo uomo e donna sullo stesso piano, determina ruoli e compiti molto diversi, così facendo la donna è posta  su un gradino meno importante.
Adesso il cerchio è compiuto, tutti sapevano che sarebbero ritornati i talebani, non sapevano forse che i tempi sarebbero stati così rapidi.
Ci sono responsabilità? A occidente sicuramente sì. Le democrazie non si esportano e comunque chi ha agito in nome e per conto del governo americano ha scommesso sugli uomini sbagliati, ha puntato su finti alleati con un piede già pronto nel campo dei talebani.
Non si giustificherebbe altrimenti la velocità di riconquista talebana. Però si deve anche aggiungere che vi è nel substrato culturale afghano una forte predisposizione all’accoglimento delle istanze radicali dei talebani.
Non possiamo sottrarci dalle responsabilità, si deve però anche aggiungere che gli afghani probabilmente volevano un ritorno del regime talebano.
Adesso le donne: non ci sono più perché probabilmente quasi non c’erano neanche prima.
Questa è la nostra responsabilità principale: quella di non aver fatto abbastanza prima. Le donne afghane non avevano e non hanno un ruolo sociale e politico di rilievo. Non sono presenti in nessun settore importante, un regime patriarcale le aveva già poste in basso nella gerarchia sociale. Adesso è tardi perché le donne afghane diventeranno così marginali da scomparire: letteralmente.
Così invisibili che sono tutti pronti ad accogliere gli afghani (maschi).
Cosa comprensibile, ma una domanda la vogliamo fare? E le donne? Dove le avete lasciate?

Share Button

Lascia un commento