L’Antica Filanda, il luogo dei sapori e dell’accoglienza

Ci sono parole che veleggiano nel cuore. Ci sono nel senso che esistono dentro di te e che devono solo essere raccontate. Sono pensieri che ti appartengono e devi far venir fuori.
Questo articolo lo dovevo prima di tutto alla mia memoria, alla mia storia ed ora che lo scrivo mi rendo conto che l’ho sempre voluto scrivere.
Parlerò in questa riflessione dell’Antica Filanda, un ristorante straordinario. Sono convinto che chi leggerà queste mie parole saprà cogliere in queste mie note una narrazione sincera e oggettiva.

Mi sono fermato a cena all’Antica Filanda, di nuovo. E’ stata una pausa di un percorso che non smetterò mai di percorrere. E’ una strada consueta, amica, fraterna solo che ogni volta riscopro sempre nuovi sapori. Che posto straordinario. Il posto è da intendersi come momento in cui un luogo ameno si incontra con emozioni spontanee.
L’Antica Filanda, non è solo un locale, ma rappresenta una squadra con una vocazione a un’idea moderna e dinamica di azienda. I proprietari Salvatore, Nunzio, Basilio e Nino assieme ai figli (Giuseppe, già Sommelier, Nunzio e Licia) e le mogli Pinuccia, Pina, Nuccia e Nina costruiscono sapori nuovi, tenendo ben salda la strada della tradizione ma come detto cercano sempre di innovare.
C’è in questi nomi la solidità di storie antiche e di tradizioni da rispettare. La rievocazione di un passato che non passa.
Sono “Nomi” che ci appartengono e che riconosciamo nostri come le montagne orgogliose e silenti dei Nebrodi. Gente seria, che lavora seriamente. A tratti ostinata come chi sa che nella vita per arrivare devi darti da fare.

Ho ripetuto tante volte la parola strada, percorso. Perché chi si ferma per una volta all’Antica Filanda sa che ritornerà. E’ un’alchimia irripetibile. Loro: Salvatore, Nunzio, Basilio e Nino ottengono riconoscimenti ogni giorno. Ma c’è un segreto in questo luogo che non è identificabile in un’unica ricetta. Potrebbero essere gli antipasti, i formaggi dei Nebrodi, i tagliolini ai funghi porcini, verdura di campo con il lardo o la parmigiana di melanzane o i flan proposti in mille fogge.
Ma il segreto, io credo, sta nell’amore con cui fanno il loro lavoro.
Una narrazione univoca e sincera.
Dal primo passo nel locale, fino alla fine della serata il sottofondo che accompagna il visitatore è una proposta nuova accompagnata da un’idea di ristorazione fatta di accoglienza sincera come le persone che rendono l’Antica Filanda un luogo che appartiene a tutto il territorio. Un esempio di eccellenza Siciliana di cui essere orgogliosi.
L’Antica Filanda, il luogo dei sapori e dell’accoglienza

Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

 

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply