Medium Diaries Tre: Sette giorni nel regno dei morti di Giuseppe Muru

Questo testo si apre con una presentazione generalizzata della storia.
Vengono descritte sette notti ben distinte, ognuna di queste viene narrata con precisione in un capitolo a sé.
Tutto accadde poco prima di Natale dell’anno scorso.
La figlia del protagonista decise di abbandonare la dimora del genitore e di andare a vivere con il proprio figlioletto in una casa in affitto.
Inizialmente tutto sembrava andare benissimo, era felice della sua nuova abitazione.
Con il passare del tempo però, nelle ore notturne, le capitava di sentire strani rumori e giorno dopo giorno aumentavano di intensità.
Inizialmente credeva fossero dovute dal maltempo o da qualche animale randagio.
Si rese conto a suo discapito, che quei rumori sinistri provenivano proprio dall’interno della sua casa.
Anche il figlio non sembrava più lo stesso, alcune volte il suo volto cambiava completamente di espressione senza una valida ragione ed anche la voce non era più la stessa.
Iniziarono a scorgere strane presenze e sentivano il freddo che pervadeva loro le ossa.
Il padre preoccupato da questi fatti decise di agire senza il consenso della figlia, la quale nel frattempo aveva deciso di abbandonare l’abitazione infestata.
Voleva capire che cosa realmente accadeva in quella casa e chi ne era il responsabile.
Con molta minuziosità, l’autore ci narra i fatti che accadono ogni notte.
Tutte le sensazioni provate dai protagonisti diventeranno nostre.
Il libro è molto inquietante ed altrettanto interessante.
La lettura è breve e piacevole.
Si arriva molto velocemente al finale, perché la suddivisione in capitoli fa sì, che il lettore sempre più incuriosito decida di proseguire per comprendere cosa accadrà nella successiva pagina.
Consiglio la lettura soprattutto a chi piace il genere horror – noir.

Share Button

Lascia un commento