Ray Donovan, azione e indagine psicologica

La serie in onda su Netflix “Ray Donovan” è un’incisione sulla pelle viva.
Un pugno che va dritto allo stomaco.
Un’incisione profonda che scava nelle contraddizioni delle ville hollywoodiane di attori e vip. Luci balenanti che lasciano nel buio le strade oscure dove campeggia la figura di Ray (bravissimo Liev Schreiber). Ray Donovan lavora dietro le quinte del grande mondo degli attori e dei milionari.
Nessuno ha la coscienza pulita, tutti nascondono un piccolo segreto e Ray Donovan usa questi segreti per ricattare i propri avversari.
L’equilibrio è precario, il filo sottile tra ciò che è legale e ciò che è illegale è un precipizio.
Dentro questo precipizio cadranno il padre, il fratello e la sua stessa famiglia.
Nessuno è al sicuro, la tensione è altissima perché i nemici sono ovunque.
La commistione tra indagine psicologica dei personaggi e l’azione veloce è la grande arma vincente di questa serie che trovo interessantissima.
Tre fratelli (Ray è uno dei tre) un padre ingombrante e pericoloso, egoista e superficiale, il grande mondo di Hollywood, personaggi presentati con grande umanità e spessore.
Si vede che mi è piaciuta?
Voto 8 e mezzo.

Gianfranco Natale
© Riproduzione riservata

 

Ray Donovan è una serie televisiva creata da Ann Biderman per Showtime, trasmessa dal 30 giugno 2013.[1] La serie ha per protagonista Liev Schreiber nel ruolo di Ray Donovan.

In Italia le prime due stagioni sono state pubblicate su Netflix dal 22 ottobre 2015, mentre la terza stagione è stata pubblicata il 15 novembre 2015. La quarta stagione è apparsa il 27 giugno 2016. La quinta stagione è stata pubblicata il 9 agosto 2017. In chiaro la serie è trasmessa da Rai 4 dall’11 marzo 2016.

Share Button

Lascia un commento