La settima orchidea di Sabrina Sodi

Isabella è una bella e dolce ragazza che ha appena terminato le superiori.
Il padre è morto da poco tempo e lei cercava un lavoro per poter continuare gli studi e per non gravare sulle spalle della madre, la quale doveva mantenere anche due gemelline, le sue graziose sorelle.
Isabella trovò un annuncio per un lavoro estivo: presso un castello in Toscana, doveva occuparsi dei fiori, decise di candidarsi anche se non aveva il pollice verde.
Era richiesta bella presenza perciò insieme al suo curriculum, mandò anche una sua fototessera.
Dopo un breve periodo di attesa venne subito contattata, era stata scelta e doveva partire per quella nuova avventura.
Ben presto la protagonista si accorgerà che in quel luogo accadono cose strane ed un alone di mistero aleggia intorno a molti fatti.
Conoscerà gli abitanti di questo immenso castello e capirà che non tutti sono sinceri con lei.
Isabella si trova in una specie di prigione dorata. Inizierà a lavorare fianco a fianco di Federico nella serra dove vengono curate un’infinità di piante ed arbusti mai visti prima. Si scontrerà più volte con Alex però scoprirà l’esistenza di un sentimento nuovo: l’amore. Da quando suo padre era morto, Isabella aveva represso le sue emozioni. Si era chiusa a riccio.
Per poter aiutare la madre e le sorelle aveva iniziato a mettere da parte i suoi svaghi, non usciva più con le amiche e non si interessava dei ragazzi anche se era ancora una ragazza.
Isabella aveva bisogno di vivere. Questo romanzo breve e diviso in capitoli ci farà scoprire la vita di questa fanciulla.
Le sue paure ed insicurezze verranno messe a nudo dalla scrittrice.
In questo testo Isabella si ritroverà a fare delle scelte davvero difficili che potrebbero costarle anche la vita.
La scrittrice ha uno stile molto fluido, la lettura risulta molto piacevole e veloce.
Vi auguro una buona lettura!

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply